30 MARZO | INAUGURAZIONE MOSTRA LIBERE E SOVRANE - DOMINA DOMNA | FESTIVAL DELLA CULTURA AL FEMMINILE

Vai ai contenuti

Menu principale:

INAUGURAZIONE MOSTRA LIBERE E SOVRANE
Una mostra dedicata alle 21 donne dell'Assemblea Costituente

MOSTRA

Venerdì 31 Marzo | ore 19,00 | INAUGURAZIONE
Durata della mostra >
Sabato 1 Aprile e Domenica 2 Aprile - dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 20,00



Evento gratuito | Sala espositiva piano terra


Il 2016 è il 70° anniversario del primo voto delle donne in Italia.
Le donne parteciparono alla scelta del referendum istituzionale tra Monarchia e Repubblica, e per la prima volta votarono e furono elette nell'Assemblea Costituente, l'organo legislativo elettivo che fu preposto alla stesura di una Costituzione per la neonata Repubblica e che diede vita alla Costituzione della Repubblica Italiana nella sua forma originaria.

Nell'Assemblea Costituente per la prima volta nella storia d'Italia 21 donne  parteciparono ai lavori e alle discussioni per la scrittura dei principi che sono al fondamento della nostra democrazia. Chi erano queste donne?

Con questa mostra si intende riscoprire e dare visibilità alle figure delle 21 Madri costituenti per farle conoscere al grande pubblico e in particolare alle nuove generazioni.
Il progetto nasce dal basso ed è a cura di Micol Cossali, Giulia Mirandola, Mara Rossi, Novella Volani che hanno coinvolto la giovane illustratrice Michela Nanut per realizzare, con il suo stile, le tavole illustrate, ognuna dedicata ad una delle 21 Madri costituenti.

La mostra “Libere e sovrane. Le ventuno donne che hanno fatto la Costituzione” è composta di tavole illustrate originali ed è un'occasione per scoprire delle figure straordinarie e purtroppo poco conosciute.
Il riconoscimento del diritto di voto delle donne, nel 1946, segna un momento storico epocale. Celebriamo queste donne che per prime sono entrate nelle aule della politica.

Se la nostra Costituzione è un punto di riferimento per i diritti e l'uguaglianza sociale, lo dobbiamo a queste donne che hanno saputo collaborare per un obiettivo comune, al di là delle appartenenze di partito.
Il lavoro delle Madri costituenti ha costituito le basi del pieno riconoscimento legislativo della cittadinanza femminile, che poi si è sviluppata e articolata nel corso della storia repubblicana con nuove leggi ma che ancora oggi non è pienamente realizzata.


"Le lapidi sono importanti, i monumenti sono importanti, ma il più grande monumento, il maggiore,
il più straordinario che si è costruito in Italia alla libertà, alla giustizia, alla  Resistenza,
all'antifascismo, al pacifismo, è la nostra Costituzione."
Teresa Mattei

“Si è realizzato il mio sogno, la Costituzione entra in vigore...  è anche la Costituzione delle donne.
Dopo tanti anni di sofferenze e di lotte, da oggi uomini e donne hanno gli stessi diritti. Capisci!
Una cosa che fino a qualche anno fa non si poteva immaginare!

Spero anch'io di avere una bambina e con queste leggi sono sicura che vivrà in un mondo migliore!
Inoltre, ascolta, la donna lavoratrice ha gli stessi diritti dell'uomo! Niente più differenze... sarà
proprio così? Io vigilerò...

Mi piacciono questi cambiamenti, io vi ho contribuito insieme alle altre donne della Costituente.”
Angiola Minella (1 gennaio 1948)


La mostra è realizzata in collaborazione con Se Non Ora Quando? Trentino, A.N.P.I. RoveretoVallagarina, Casa delle donne di Rovereto.
Con il sostegno della Comunità della Vallagarina nell'ambito del progetto “I tanti volti delle donne” 2016.

1
MICOL COSSALI
Narratrice multimediale e autrice di documentari dedicati al tema della memoria e del lavoro. Ha curato la direzione artistica di diversi progetti espositivi con Fondazione Museo storico del Trentino, Museo MAG, Bersntoler Kulturinstitut.
Organizzatrice culturale e attivista impegnata nella valorizzazione delle esperienze e del pensiero delle donne con Se Non Ora Quando Trentino e Casa delle donne di Rovereto.

GIULIA MIRANDOLA
Giulia Mirandola si occupa di educazione alla lettura e di progettazione culturale. Opera dal 2004 in ambito editoriale. Ha lavorato per Hamelin Associazione Culturale, Topipittori, Babalibri. Offre servizi di formazione sugli albi illustrati a biblioteche, librerie, musei, associazioni, enti pubblici e privati, festival.

MICHELA NANUT
Nata e cresciuta in Valle Camonica, si laurea in Filosofia della Scienza a Bologna. Dopo aver conseguito la specializzazione, lavora come insegnante di sostegno nelle scuole secondarie superiori della Provincia Autonoma di Trento.
Parallelamente al percorso di insegnante comincia a lavorare come illustratrice, inizialmente contribuendo alla creazione di libri di testo con Loescher e quindi collaborando con alcune realtà in ambito provinciale.
Dal 2013 collabora come illustratrice con Non Profit Network – CSV Trentino.
In questi anni ha partecipato a numerosi workshop di specializzazione nell'ambito dell’illustrazione.

NOVELLA VOLANI
Novella Volani, appassionata di storia e laureanda in "Studi storici e filologico-letterari" presso l'Università degli studi di Trento, lavora autonomamente in qualità di Accompagnatore di Territorio  su percorsi di interesse storico ed etnografico e partecipa attivamente alle ricerche promosse dal Laboratorio di storia di Rovereto.

MARA ROSSI
Ha 67 anni. E' un'insegnante di scuola primaria in pensione. Percorso esistenziale e di formazione dentro il '68, l'autunno caldo, il femminismo, la CGIL Scuola. Ora si occupa di sindacato (Coordinamento Donne SPI CGIL) ed è la presidente dell'ANPI Rovereto-Vallagarina.
1
RASSEGNA STAMPA


.
LIBERE E SOVRANE
 
Associazione Mutuo Soccorso Bergamo | Via Zambonate, 33 – 24121 Bergamo
 
Torna ai contenuti | Torna al menu