ARCHIVIO_DD2014 - DOMINA DOMNA | FESTIVAL DELLA CULTURA AL FEMMINILE

Vai ai contenuti

Menu principale:

DOMINA DOMNA | 2014

Sabato 22 Marzo 2014
>  EVA VS. EVA // MOOD BERGAMO

ESPOSIZIONE
Mutuo Soccorso spazio espositivo | Bergamo
ore 18,30 inaugurazione
Ingresso libero
___
Donne che si guardano allo specchio ogni giorno e vedono riflessa l'immagine di ciò che sono, l'immagine di ciò che vorrebbero essere, l'immagine di ciò che vorrebbero vedere gli altri in loro e tutte quelle maschere che dovranno indossare per mitigare questa eterna lotta.
Una lotta che a volte forma altre volte deforma.
In questo percorso nel profondo intimo quotidiano femminile ho scelto due realtà molto differenti tra loro che attraverso i loro canali espressivi e la loro sensibilità sapranno toccare le corde dell'osservatore attento: Gia M. e Mood Bergamo.
Paola Francesca Denti
Direttrice artistica “Eva Vs Eva”



> FUORI ONDA

TEATRO
Teatro alle Grazie | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
Due donne, due conduttrici televisive, si incontrano e scontrano prima e durante la diretta del programma culinario “Direttamente alla brace e ti piace”.
Sembrerebbe l’ennesima giornata di lavoro sottopagato e svilente, l’ennesimo duello a colpi di tette invisibili e figli inesistenti, tacchi appuntiti e lingue affilate per macellarsi e ridursi ad inutili brandelli di donne. Una trasmissione televisiva, la solita: pregiudizi e stereotipi serviti come prelibati ingredienti. Invece no. Oggi il boccone è amaro e la trasmissione indigesta: che prostituzione, che oppressione.
Come pentole a pressione le due donne esplodono tra mannaie, mestoli e mattarelli.
Non si salva nessuno: il capo bavoso, il collega maiale, i pregiudizi continui, la Storia tutta.
E’ tutta un’altra storia, tutta un’altra vita. Finalmente.

Domenica 23 Marzo 2014
>  EVA VS. EVA

ESPOSIZIONE
Spazio Clo'et | Bergamo
ore 18,30 inaugurazione
Ingresso libero
___
Donne che si guardano allo specchio ogni giorno e vedono riflessa l'immagine di ciò che sono, l'immagine di ciò che vorrebbero essere, l'immagine di ciò che vorrebbero vedere gli altri in loro e tutte quelle maschere che dovranno indossare per mitigare questa eterna lotta.
Una lotta che a volte forma altre volte deforma.
In questo percorso nel profondo intimo quotidiano femminile ho scelto due realtà molto differenti tra loro che attraverso i loro canali espressivi e la loro sensibilità sapranno toccare le corde dell'osservatore attento: Gia M. e Mood Bergamo.
Paola Francesca Denti
Direttrice artistica “Eva Vs Eva”



Lunedì 24 Marzo 2014
> RIFLESSIONI FEMMINILI - Il cinema di Alina Marazzi

CINEMA
Scuola primaria di Longuelo Cavezzali | Bergamo
ore 14,30
Laboratorio gratuito su prenotazione
___
Conversazione con la regista Alina Marazzi, con la proiezione del documentario Vogliamo anche le rose e del film di finzione, sua ultima realizzazione,
Tutto parla di te.
Programma della serata:
• ore 20.00, proiezione del film VOGLIAMO ANCHE LE ROSE
• ore 21.30, conversazione con la regista ALINA MARAZZI
• ore 22.30, proiezione del film TUTTO PARLA DI TE



Martedì 25 Marzo 2014
> SOTTO IL PROFILO DELLE MONTAGNE

CINEMA
Cinema Capitol | Bergamo
ore 21,00 - 23,00
Ingresso a pagamento
___
Conversazione con la giovane regista Alessandra Locatelli e proiezione dei suoi film documentari ... e invece era una volpe e Il rumore dell'erba.
Programma della serata:
• ore 21.00 - introduzione alla serata, in presenza della regista.
• ore 21.15 - proiezione del film "...e invece era una volpe"
• ore 21.30 - conversazione con la regista
• ore 22.00 - proiezione del film "Il rumore dell'erba"
• ore 22.30 - conversazione con la regista

Evento a cura di Associazione Entr’acte

Mercoledì 26 Marzo 2014
> IMPRONTE NON MIE (SONO CADUTA DALLE SCALE)

ESPOSIZIONE
Spazio Polaresco (Polarexpo) | Bergamo
ore 18,30 | Inaugurazione
Ingresso libero
___
È un percorso atipico quello che vi troverete davanti, dove non c’è né inizio né fine, ma solo un tema unico e perforante che vi accompagnerà tra immagini e installazioni.
Alcuni delle illustratrici e illustratori di fama nazionale e internazionale, che grazie al loro contributo ogni anno prende vita "Segni di un altro genere" , mostra all'interno del festival "La violenza illustrata" organizzato dalla Casa delle donne di Bologna, saranno presenti con i proprio lavori.
Proporremo il linguaggio sfrontato e diretto di Gjoke Gojani, vincitore del premio internazionale indetto da UNRIC, nel suo “treat me like a woman” (Trattatemi come una donna.).
Conoscerete Marta Pessoni attraverso i suoi “Inscatolamenti di tempo perduto”, installazione che vi porterà a capire come un'impronta creata da un oggetto lasciato nel fondo di una scatola impolverata, possa produrre lo stesso effetto che la Madeline fece a Proust. Il vuoto fisico creato dentro le scatole le rende simbolo di una ferita più grande che, seppur nascosta dietro queste impronte, vuole essere svelata. Impronte indelebili dalla memoria anche quelle che, invece, svaniscono seguendo il corso biologico della pelle. La potenza del calore impressiona corpi di carta nel lavoro di Anna Arzuffi, dove la violenza si sprigiona come un’energia cosmica e si manifesta in geometrie sulla superficie cartacea;  espressioni visibili del pensiero, destinate a svanire nel tempo ma non dalla mente.

> MA IN PRINCIPIO DIO LI FECE MASCHIO E FEMMINA

LABORATORIO
Mutuo Soccorso | Bergamo
ore 20,30 - 22,30
Partecipazione gratuita | Iscrizione obbligatoria
___
Saranno invitate a partecipare le donne intervistate del Linificio Canapificio nazionale e le operaie in cassa- integrazione del cotonificio Honegger di Albino. Gli incontri saranno aperti anche a tutte le donne che potranno essere interessate, in particolare se giovani, auspicando che i diversi sguardi e le differenti esperienze di vita favoriscano un confronto e uno scambio reciproco.
Si lavorerà intorno al sapere (parole - gesti - memoria del corpo) come materia prima del processo produttivo, tramandato di generazione in generazione, di donna in donna. La riflessione intorno al sapere sarà un luogo simbolicamente diverso da quello predestinato al lavoro concreto e materiale, dove sarà possibile sperimentare e in cui si potranno trovare materiali che saranno proposti dalle conduttrici (testi, poesie, citazioni, immagini, video) e materiali che nasceranno attraverso lo scambio e la partecipazione.

> MISS VIOLENCE

CINEMA
Cinema Conca Verde | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
A spiegare titolo e temi di Miss Violence sono le parole del regista Alexandros Avranas, in occasione della presentazione di quella che è la sua opera seconda, in concorso al Festival di Venezia 2013: «Da qualche parte, vicino al centro della città, colorati palazzi creano un mondo grigio. L'insopportabile quiete della routine quotidiana è spezzata dal suicidio di una ragazzina. Simbolo di tutti quei bambini costretti a sottostare alle regole di una società dura e senza speranza,  la ragazzina e il suo gesto mettono a nudo e rivelano ogni tipo di sfruttamento e di manipolazione che si compie all'interno di quel sistema che alcuni si ostinano ancora a chiamare "famiglia", in cui un padre che impone ordini e funzioni di ogni componente esercita il proprio potere per vie non differenti da quelle usate da chi manipola la società. Mi chiedo sempre chi ha il potere: colui che colpisce o chi invece sente il dolore? La violenza più dura è quella del silenzio e del non detto».
> LAVORARE...STANCA

TEATRO
Teatro alle Grazie | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
Spettacolo Vincitore Festival Anteprima 89 - Edizione 2011
Un monologo con canzoni e musica dal vivo che parte dal racconto semiserio della precarietà totale, lavorativa e sentimentale, dell'attrice che lo interpreta, per approdare al caso dei suicidi a France Telecom, in particolare alla vicenda di Michel Deparis, cinquantenne, suicidatosi il 13 luglio del 2009, dopo aver lasciato una lettera lucida e disperata.
> PLUJE TOUJOURS

CONCERTO
Circolo Arci Maite | Bergamo
ore 21,30
Ingresso a pagamento riservato ai soci
___
Chitarra chiara e sincera ma anche un po bohèm.
Folk a righe tra parigismo e teatralità, precisione d’esecuzione e garbo emozionale.
Evocano tenerezze da mimo e cura nei dettagli. Uno scorrere di fotografie in movimento sul palco da godersi chick to chick.
I Pluie sono Matteo e Federica.
Ingresso riservato ai soci Arci



Giovedì 27 Marzo 2014
> MA IN PRINCIPIO DIO LI FECE MASCHIO E FEMMINA

LABORATORIO
Mutuo Soccorso | Bergamo
ore 20,30 - 22,30
Partecipazione gratuita | Iscrizione obbligatoria
___
Saranno invitate a partecipare le donne intervistate del Linificio Canapificio nazionale e le operaie in cassa- integrazione del cotonificio Honegger di Albino. Gli incontri saranno aperti anche a tutte le donne che potranno essere interessate, in particolare se giovani, auspicando che i diversi sguardi e le differenti esperienze di vita favoriscano un confronto e uno scambio reciproco.
Si lavorerà intorno al sapere (parole - gesti - memoria del corpo) come materia prima del processo produttivo, tramandato di generazione in generazione, di donna in donna. La riflessione intorno al sapere sarà un luogo simbolicamente diverso da quello predestinato al lavoro concreto e materiale, dove sarà possibile sperimentare e in cui si potranno trovare materiali che saranno proposti dalle conduttrici (testi, poesie, citazioni, immagini, video) e materiali che nasceranno attraverso lo scambio e la partecipazione.

> 20SETTEMBREMILLENOVECENTO58

TEATRO
Teatro alle grazie | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
Il 20 settembre del 1958 al preciso scoccare della mezzanotte le “case di tolleranza” (e quanti altri nomi conosciamo per definirle?) chiudono le porte e aprono le finestre.
1958... non è poi troppo tempo fa... "..PENSO CHE UN SOGNO COSI’ NON RITORNI MAI PIU’.....” A Margherita (chiamiamola così...) piace cantare. E canta. Canta perché non c’è modo migliore di chiudere una cosa che lasciarci stampata sopra una bella canzone. E racconta. A quei clienti che non vogliono andare nonostante la festa DEBBA finire entro mezzanotte, ai suoi musicisti che condividono con lei l’ebbrezza e la malinconia del momento. La musica è protagonista. Evoca. Chiama. Salta. Permette balzi di tempo. Diventa risata, rimpianto, festa di strada, alcova... aiuta ad ascoltare, in questa notte di passaggio, le voci di chi in queste stanze ci è stato... le ragazze, gli studenti, le megere, i clienti più variegati...
Rileggendo il passato e guardando il presente si può comprendere con quanta difficoltà e confusione si affronti ancora oggi questo argomento spinoso.

> AWA MIRONE DUO

CONCERTO
Tassino Cafè | Bergamo
ore 19,30
Ingresso libero
___
Il Duo di Awa Mirone nasce circa un anno fa. Awa e Valentino suonano insieme già da 4 anni in diverse situazioni e progetti. Una volta creata una certa sintonia, insieme, decidono di creare un duo acustico. Propongono brani soul & reggae, originali e non, aventi come protagonisti artisti quali: Nina Simone, Lauryn Hill, Winehouse...

Venerdì 28 Marzo 2014
> MA IN PRINCIPIO DIO LI FECE MASCHIO E FEMMINA

LABORATORIO
Teatro Prova | Bergamo
ore 20,30 - 22,30
Partecipazione gratuita | Iscrizione obbligatoria
___
Saranno invitate a partecipare le donne intervistate del Linificio Canapificio nazionale e le operaie in cassa- integrazione del cotonificio Honegger di Albino. Gli incontri saranno aperti anche a tutte le donne che potranno essere interessate, in particolare se giovani, auspicando che i diversi sguardi e le differenti esperienze di vita favoriscano un confronto e uno scambio reciproco.
Si lavorerà intorno al sapere (parole - gesti - memoria del corpo) come materia prima del processo produttivo, tramandato di generazione in generazione, di donna in donna. La riflessione intorno al sapere sarà un luogo simbolicamente diverso da quello predestinato al lavoro concreto e materiale, dove sarà possibile sperimentare e in cui si potranno trovare materiali che saranno proposti dalle conduttrici (testi, poesie, citazioni, immagini, video) e materiali che nasceranno attraverso lo scambio e la partecipazione.

> DEDICATO ALLE UTOPIE

TEATRO
Teatro alle Grazie | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
Di Silvia Nati e Esther Ruggiero tratto da “Il Paese sotto la pelle” di Gioconda Belli con Silvia Nati
Dedicato alle utopie è il racconto della maturazione umana, intellettuale e politica di una ragazza nata sotto la cappa opprimente della dittatura somozista in Nicaragua. Gioconda Belli, giornalista, scrittrice e poetessa, si allontana dal mondo della borghesia nicaraguense per camminare lungo percorsi di vita che la portano verso strade nuove e  sconosciute. Fino alla Rivoluzione Sandinista del 17 luglio 1979.

Sabato 29 Marzo 2014
> Presentazione del libro FIORI DI CEMENTO

INCONTRO
Libreria IBS via XX Settembre | Bergamo
ore 17,30
Ingresso libero
___
Di Raffaella R. Ferré, Carmen Pellegrino, Maria Cristina Sarò, Cristina Zagaria
Fiori dal cemento è un progetto che nasce da un’idea della Rete Fille@donna CGIL nazionale e regionale Campania al fine di dar voce, per la prima volta, al lavoro delle donne del settore delle costruzioni attraverso uno sguardo nuovo ed inedito rispetto alle consuete trattazioni sindacali di genere.
Affidato alla narrazione di quattro scrittrici particolarmente sensibili al tema della difesa dei diritti delle donne, il libro raccoglie le storie, i percorsi di vita e di lavoro di una impiegata dell’edilizia, una restauratrice e due operaie del legno e attraverso loro si pone quale testimone di una realtà non circoscritta alle singole esperienze, ma più ampia.


> NIENTE, PIU' NIENTE AL MONDO

TEATRO
Teatro alle Grazie | Bergamo
ore 21,00
Ingresso a pagamento
___
di Massimo Carlotto, adattamento e regia: Nicola Pistoia, con Crescenza Guarnieri
Crescenza Guarnieri, sola in scena, indossa una sottoveste cinese da 12.90 euro, ha una bottiglia di vermuth in mano, parla da sola. Sullo sfondo la Torino dei quartieri operai, che operai non sono più e che producono: mancanza di lavoro; totale assenza di prospettive di una vita "di qualità"; la pensione e la difficoltà di sbarcare il lunario quando non si è più produttivi.
Ferisce l'assenza di strumenti culturali per opporsi allo squallore dell'esistenza, mentre la televisione è l’unico modello, sbocco e sfogo.
La donna come in un delirio straziante e ironico e mai patetico, rievoca la propria storia e quella della sua famiglia, spiattellando cifre, prezzi, marche di prodotti, promozioni e trasmissioni tv.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu